St NIAN PARIS debutta alla Fashion Week di Parigi con il suo menswear

Inclusività, attivismo e allure rock: un manifesto di valori che diventa stile per st NIAN Paris che porta in passerella nella capitale francese la propria collezione uomo SS 24. E’ il debutto con il menswear dopo quello del womenswear nella fashion week parigina dello scorso febbraio.

Il marchio fondato dalla designer Nihan Buruk (che per questo appuntamento parisienne ha ideato e curato pure la colonna sonora) propone da sempre un pret à porter che contiene forti messaggi dai risvolti sociali, politici e ambientali perché quello che si indossa è un riflesso esatto di quello in cui si crede. Lo stile indipendente dagli accenti couture del brand disegna look contemporanei in cui l’attenzione per la materia e per le lavorazioni si unisce a un’eccellenza estetica che è, contemporaneamente, una questione etica. Il marchio è, infatti, diretta emanazione del pensiero della designer e founder che ha fatto del suo impegno una signature e che ha dato voce e stoffa a vere e proprie battaglie. Diverse sono state le collezioni ispirate ai temi più attuali come il diritto all’acqua e la lotta contro la violenza sulle donne che hanno diffuso, dalla passerella in tutto il mondo, i suoi valori. Che sono, in primis, la gentilezza, la pace, il rispetto e l’inclusività tanto che le creazioni di St Nian Paris sono delle vere e proprie dichiarazioni politiche.

Ma non solo. Perché il contenuto couture è sempre in primo piano soprattutto in virtù di quella passione per l’arte tout court che Nihan Buruk persegue da sempre e che è ravvisabile, anche, nella boutique st NIAN Paris, nel Marais di Parigi, che prima ancora di diventare il punto vendita del brand era una galleria d’arte. E, di questo suo nobile passato, il negozio conserva traccia non solo nel respiro luminoso ed essenziale dello spazio ma anche nel concept essenziale che punta a valorizzare le collezioni esposte.

L’uomo di st NIAN Paris guarda al mondo in cui giustizia e uguaglianza siano la realtà e procede seguendo un percorso che, idealmente, rischiara e indica la strada. Il coraggio di non perdere mai la speranza insieme all’atto profondo di ribellione che scuote le coscienze e diventa, ancora una volta, un manifesto. Il suo approccio è forte e porta addosso l’eco, traslato, di un coté ribelle ma spettacolare, dagli accenti rock anni 50 che, dalla costa americana, si ritrovano nel cuore di Parigi. É la memoria di un Elvis redivivo che risplende nel gusto prezioso dei ricami che percorrono tutti i capi della collezione tra alberi e usignoli, rose e boccioli di fiori.

È così che anche lo smoking con il pantalone ricamato fino all’orlo è un omaggio alla Hollywood che non c’è più e accompagna l’uomo st NIAN Paris dal red carpet alla vita: perchè si può essere eleganti e anticonvenzionali anche nel quotidiano. E ancora il bomber con decori sulla schiena chee si porta con i pantaloni affilati oppure, per un tocco Beverly Hills, con gli shorts. Sotto fanno capolino camicie sartoriali e morbide.

E ancora la delicatezza materica della viscosa, della seta e del crepe di seta, non rinuncia a tocchi di poliestere e di pelle e al gusto per l’inconsueto che trova nelle piume la sua perfetta espressione. La palette è un omaggio alla natura con le tonalità tenui dei beige, degli champagne e dei bianchi; non rinuncia all’azzurro, al verde limone e, naturalmente, al nero e all’inconsueto rosso ketchup.

LA STILISTA

Nihan Buruk, la designer di st NIAN Paris, ha scelto di fare moda per passione ma anche per un dare voce a un preciso impegno sociale che si riflette, stagione dopo stagione, in collezioni che rispettano la fragilità delle donne e che invitano a una sempre maggiore consapevolezza. Nata a Istanbul nel 1983, dopo gli studi in “Fashion and Textile Design” all’università Yeditepe della città, ha creato il suo marchio stNian Paris la cui estetica si è sempre accompagnata a una precisa visione etica. Uno stile riconoscibile e no gender, attento al design e alla tendenza unitamente alla cura dei materiali si unisce a una profonda sensibilità dispiegata nel sociale, nella cultura e nell’ambiente. La moda diventa un progetto a tutto tondo in cui ritrovare quei valori che la stilista persegue da sempre: dal diritto all’acqua alla lotta contro la violenza sulle donne con messaggi che diventano azioni.

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

M IL MAGAZINE

read the good news

Copyright ©  M il Magazine

Periodico di moda, stili, tendenze, turismo, lifestyle, cultura, attualità

 

Testata giornalistica fondata nel 2008

Registrazione in Tribunale n°7 del 12/3/2008

Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829