L’amore senza confini che ispira la collezione beachwear MANANI

La moda come strumento di inclusione sociale. Questa è l’impronta che lancia il brand del beachwear MANANI. Founder è Selenia Consoli (nella foto), una laurea in giurisprudenza, uno spirito imprenditoriale, una visionaria senza barriere, un’irrefrenabile passione per la moda.

“La moda per me e’ un’entità, mi impregna di felicità e buonumore. La  felicità credo che debba appartenere a tutti e va condivisa con amore. Questo messaggio lo lancio pertanto attraverso Mananì, ovvero attraverso quella moda inclusiva che vuole vedere un sorriso sulla bocca di tutti, e perché no, anche sul nostro corpo, un corpo maschile o femminile, giovane o vissuto, cosa cambia? Il corpo, il nostro, qualunque esso sia, se messo a proprio agio riesce a sorridere e a dare il meglio di sé, perché in fondo di questo abbiamo bisogno, di stare bene, di sentirci bene dentro un costume o un vestito, di andare a spasso con le scarpe giuste o di portare in spalla o sotto braccio la borsa perfetta per custodire chiavi e ricordi. Il mio mantraè: ‘Secondo me il tuo stile sei Tu, e stai da Dio!’.”

Come matura la scelta di fare l’imprenditrice e la fashion designer?
“Ero in terza elementare e la sera, prima di andare a dormire, mi premuravo nello scegliere il mio outfit per il giorno di scuola successivo. Credo che la passione per la moda sia attitudine naturale e che ognuno di noi abbia un dono, dobbiamo semplicemente riconoscerlo ed io mi riconosco per esempio perfettamente nei vestiti che ogni giorno scelgo di indossare. Non siamo uno stereotipo,  ma siamo essenza che si rivela attraverso l’imperfezione, condizione necessaria che ci regala l’esclusività, pensiero unico per Mananì”.

…E l’idea di creare un brand di beachwear anche genderless?
“La mia collezione non a caso si chiama “Per Amore”, inteso in tutte le sfaccettature: degli altri, del nostro corpo, di noi stessi. Il fil rouge è dal mio cuore a tutti i cuori, purché si tratti d’amore, dove manca la ragione e vince il sentimento che non conosce genere, ma solamente l’anima. Attraverso Mananì parlo di me al mondo, un po’ come fa lo scrittore con la sua penna o il regista con il suo film, io da fondatrice, designer e direttore creativo del mio brand lo faccio attraverso i miei capi, parlando d’amore, forse quell’amore impossibile, che “a volte” riesce a trovare la strada per diventare possibile. Fin da piccina i miei amici sono sempre stati sentimentalmente e sessualmente a colori, omosessuali, transgender, etero, senza alcuna distinzione di genere. Ho conosciuto omosessuali capaci di rispettarsi e amarsi di un amore che gli etero non conoscono…o forse sì?”

Hai scelto Taormina per il primo shooting fotografico MANANI, protagonisti degli scatti uomini che indossano costumi da donna e donne âgé….
“Taormina è il salotto più bello della Sicilia, la mia terra. Per me la bella stagione inizia e termina in questo posto incantato, dove sono anche residente.  Luogo di cultura e meraviglia, isola bella immersa in un mare di cristallo, la mia location preferita e per lo stesso motivo protagonista del primo shooting di Mananì. Uomini e donne agè in questo fantastico scenario sempre per lo stesso principio di cui parlavamo prima, e mi piace essere ripetitiva cosicché ciò che reputo importante non venga dimenticato… per me non esiste distinzione di genere e Mananì è per tutti. Nell’epoca in cui viviamo, non sarà certamente un sedere da uomo, dentro un costume da donna, a fare scandalo! Unico comune denominatore per me è l’amore, tutto il resto è pizza e fichi“.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

 

M IL MAGAZINE

read the good news

Copyright ©  M il Magazine

Periodico di moda, stili, tendenze, turismo, lifestyle, cultura, attualità

 

Testata giornalistica fondata nel 2008

Registrazione in Tribunale n°7 del 12/3/2008

Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031